Same è un artista che abbraccia l’effimero.
Utilizza la vernice aerosol e acrilica per creare le sue opere, che possono essere ammirate quasi esclusivamente in spazi pubblici.
Per oltre 20 anni ha trasformato le strade e i treni olandesi nel suo atelier personale, creando nuove opere che nel tempo hanno sostituito quelle portate via dal costante rinnovamento del paesaggio urbano. Essendo uno dei writers più prolifici in Europa, ha completato migliaia di opere registrandone instancabilmente la memoria tramite foto e video. Sebbene sia consapevole che le sue creazioni originali potrebbero durare per un breve lasso di tempo, questa documentazione ecfrastica gli ha consentito di aggiungere ai propri lavori una sua personale narrativa che porta a una più intima condivisione con il pubblico.
NAMES fornisce al pubblico una visione fugace della fitta rete di artisti legati al fenomeno del writing
illegale urbano a livello internazionale attraverso le opere artistiche di Same, uno dei writers più
attivi in Europa.
Nel 2015 Same ha deciso di dipingere i "nomi" degli amici che ha conosciuto durante i suoi lunghi
viaggi per il mondo. Utilizzando il sistema di trasporti olandese come se fosse la sua tela, Same ha
realizzato questa raccolta di fotografie e ricordi. Incluse al suo interno, si trovano citazioni e storie
personali dei seguenti artisti:
Alors, Ausy, Avido, Batman, Beat53, Boing, Bowl, Brace, Brain, Broke,
Chek, Clean, Coim, Cokne, Cyrus, Dawg, Djoks, Egoist, Erpes, Ether, Feebl, Fra32, Gebk, Him, Jador, Jake, Just, Kang, Kel, Lasse-braun, Lench, Leno, Massacre, Miw, Moon, Moron, Mser, Nase, Nokier, Norma, Omas, Oskie, Pores, Proten, Rast, Rebok, Serch, Sien, Sire, Smash, Sole, Spat, Tose, Triple,
Tsoup, Utah, Vamp, Wat81, Yes2, Lucer, Marvel, Miss17 e Qge.